logo di stampa italiano
 

5 Altri ricavi operativi

 
 1° semestre 20131° semestre 2012Variazioni
Commesse a lungo termine61.17955.3785.801
Certificati bianchi12.9346.5416.393
Contributi in conto esercizio e da raccolta differenziata11.7468.9122.834
Utilizzo e riaccertamento di fondi4.4752,1462.329
Rimborso di costi4.2501.6882.562
Quote contributi in conto impianto3.3202.0661.254
Rimborsi assicurativi3.0771.2241.853
Locazioni1.182801381
Vendite materiali e scorte a terzi963292671
Plusvalenze da cessione di beni98161(63)
Certificati grigi0708(708)
Altri ricavi4.2374.528(291)
Totale107.46184.44523.016

Di seguito sono commentate le variazioni più significative rispetto al periodo precedente.

“Commesse a lungo termine”, comprendono i ricavi generati dalla costruzione, o miglioramento, delle infrastrutture detenute in concessione in applicazione dell’interpretazione Ifric 12. La variazione rispetto al periodo precedente è dovuta a minori investimenti rispetto al 1° semestre 2012 (8.671 migliaia di euro) e ad un incremento per effetto del consolidamento del Gruppo AcegasAps (14.472 migliaia di euro). Si rinvia ai commenti di maggior dettaglio nella relazione sulla gestione.

“Certificati bianchi” e “Certificati grigi”, evidenziano i ricavi consuntivati nei confronti della Cassa Conguaglio del Settore Elettrico a seguito del raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica (certificati bianchi) e nei confronti del Ministero dell’Ambiente (certificati grigi). La variazione relativa ai certificati grigi è relativa principalmente all’impianto di cogenerazione di Casalegno così come previsto dalla vigente normativa (D.L. 20/05/2010 n.72, convertito con Legge 19/07/2010, n.111).

“Contributi in conto esercizio e da raccolta differenziata”. I contributi in conto esercizio, pari a 2.165 migliaia di euro (2.364 migliaia di euro nel 1° semestre 2012), sono costituiti principalmente da incentivi riconosciuti dal GSE per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

I contributi da raccolta differenziata, pari a 9.581 migliaia di euro (6.548 migliaia di euro nel 1° semestre 2012), sono costituiti principalmente dal valore degli imballaggi (cartone, ferro, plastica e vetro) ceduti ai consorzi di filiera Conai.

L’incremento è dovuto all’effetto combinato di quanto segue:

  • maggiori quantitativi di imballaggi di carta, 248 migliaia di euro;
  • minori quantitativi di imballaggi di cartone, 76 migliaia di euro;
  • maggiori ricavi da “lavorazione cartone in piattaforma”, 363 migliaia di euro;
  • maggiori quantitativi di imballaggi in ferro, plastica e vetro, 912 migliaia di euro;

oltre all’incremento dovuto per effetto del consolidamento del Gruppo AcegasAps per 1.565 migliaia di euro.

 

 “Utilizzo e riaccertamento di fondi”, comprende principalmente:

  • l’utilizzo per costi di manodopera, smaltimento percolato e ore mezzi relativi alle discariche del Gruppo (3.466 migliaia di euro, contro i 1.468 migliaia di euro nel 1° semestre 2012);
  • riaccertamento del fondo rischi diversi, in relazione alla chiusura di un contenzioso per l’utilizzo dei pozzi geotermici nel Territorio di Ferrara, 510 migliaia di euro;
  • riaccertamento del fondo rischi diversi, in relazione a quote di ecotassa per gli anni 2006 e 2007 relative alla Discarica di Ravenna, 101 migliaia di euro.

oltre a quanto riveniente dal Gruppo AcegasAps per 362 migliaia di euro.

“Rimborso di costi”, si tratta dei rimborsi percepiti da società o enti in relazione a personale distaccato e da recupero spese da clienti. La variazione rispetto al periodo precedente è da attribuire interamente al consolidamento del Gruppo AcegasAps.

 “Rimborsi assicurativi“, evidenziano una variazione in aumento di 1.853 migliaia di euro. In particolare:

  • 882 migliaia di euro sono relativi al risarcimento di danni causati a strutture e impianti di proprietà  situati nel territorio di Modena, Ferrara e Bologna  a seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012;
  • 150 migliaia di euro sono relativi al risarcimento dei danni conseguenti all’allagamento del Depuratore delle acque reflue sito in Cesenatico;
  • 933  migliaia di euro derivanti dal consolidamento del Gruppo AcegasAps.

“Altri ricavi”, comprendono principalmente il recupero di costi per prestazioni di servizi ambientali, relativi al settore elettrico e gas  e cessione diritti di fibra ottica.