logo di stampa italiano
 

34 Trattamento di fine rapporto e altri benefici

 

Comprende gli accantonamenti a favore del personale dipendente per il trattamento di fine rapporto di lavoro e altri benefici contrattuali, al netto delle anticipazioni concesse e dei versamenti effettuati agli istituti di previdenza in accordo con la normativa vigente. Il calcolo viene effettuato utilizzando tecniche attuariali e attualizzando le passività future alla data di bilancio. Tali passività sono costituite dal credito che il dipendente maturerà alla data in cui presumibilmente lascerà l’azienda.

Lo  “sconto gas” rappresenta un’indennità annua riconosciuta ai dipendenti Federgasacqua assunti prima del gennaio 1980 reversibile agli eredi. Il “premungas” è un fondo pensionistico integrativo relativo ai dipendenti Federgasacqua assunti prima del gennaio 1980. Tale fondo, che è stato chiuso a far data dal gennaio 1997, viene movimentato con cadenza  trimestrale  unicamente per regolare i versamenti effettuati ai pensionati aventi diritto. Il “fondo riduzione tariffaria” è stato costituito per far fronte agli oneri derivanti dal riconoscimento al personale in quiescenza del ramo elettrico delle agevolazioni tariffarie sui consumi energetici. Per i benefici di cui sopra sono stati effettuati i ricalcoli utilizzando le medesime tecniche attuariali già implementate per il trattamento di fine rapporto.

Di seguito viene riportata la movimentazione intervenuta nell’esercizio dei sopra menzionati fondi.

 31-dic-12AccantonamentiUtili /perdite attuarialiUtilizzi e Altri movimentiVariazioni area di consolidamento30-giu-13
accantonamenti oneri finanziari
Fondo trattamento di fine rapporto100.9258451.770-1.787(3.714)       22.784120.823
Fondo riduzione tariffaria6.407               -  9247(256)               -  6.290
Fondo Premugas3.172               -  2545(200)               -  3.042
Sconto gas2.459               -  2637(136)               -  2.386
Totale112.9638451.913-1.658(4.306)22.784132.541

A partire dal 1° gennaio 2013 il gruppo Hera ha applicato il principio Ias 19 revised che prevede l’abolizione del c.d. “metodo del corridoio” per la contabilizzazione degli utili e delle perdite attuariali. L’applicazione del nuovo principio ha comportato la rettifica della situazione patrimoniale-finanziaria al 31 dicembre 2012 oltre che del conto economico dei primi sei mesi dell’esercizio 2012.   In particolare il “fondo trattamento di fine rapporto ed altri benefici” è stato incrementato di 21.597 migliaia di euro in contropartita al “patrimonio netto” per 17.521 migliaia di euro e alle “passività fiscali differite” per 4.076 migliaia di euro.   Tali effetti ricomprendono il beneficio rilevato nel conto economico dei primi sei mesi del 2012 tra i “costi del personale” per 613 miglia di euro al netto del relativo effetto fiscale, contabilizzato tra le “imposte del periodo”, per 276 migliaia di euro.

Gli “Utili/(perdite) attuariali” rappresentano la rimisurazione delle passività in conseguenza della variazione delle ipotesi attuariali. Tali componenti sono rappresentate nello schema di conto economico complessivo 2.01.02 di cui alle presenti note.

Gli “utilizzi e altri movimenti” accolgono  principalmente gli importi corrisposti ai dipendenti.

La “Variazione area di consolidamento” accoglie il valore del trattamento di fine rapporto delle società del Gruppo AcegasAps come indicato al paragrafo “Variazione area di consolidamento” nonché la riclassifica alle   “Attività e passività non correnti destinate alla vendita”, evidenziate nella nota 31, relativa alle società Hera Servizi Cimiteriali Srl e Hera Servizi Funerari Srl per 629 migliaia di euro.


Le principali assunzioni utilizzate nelle stime attuariali sono le seguenti:

 30-giu-1331-dic-12
Tasso annuo tecnico di attualizzazione2,99%2,89%
Tasso annuo di inflazione2,10%2,10%
Tasso annuo di aumento retribuzioni complessive3,90%3,90%
Tasso annuo di incemento Tfr3,08%3,08%
Frequenza annua di uscita dall'attività lavorativa per cause diverse dalla morte1,10%1,10%
Frequenza annua media di utilizzo del fondo Tfr1,50%1,50%

Nell’interpretazione di tali assunzioni occorre considerare quanto segue:

  1. per le probabilità di morte, si è fatto riferimento alle tavole Istat SIMF 2009;
  2. per le probabilità di inabilità, si è fatto riferimento al modello Inps per le proiezioni al 2010, distinguendo per sesso;
  3. per l’età di pensionamento sono state considerate le nuove decorrenze per i trattamenti pensionistici previste dal Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 recante “Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici”, nonché la disciplina  di  adeguamento  dei  requisiti  di  accesso  al  sistema pensionistico,  agli  incrementi  della  speranza  di  vita  ai  sensi dell'articolo 12 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;
  4. per le probabilità di uscita dall’attività lavorativa per cause diverse dalla morte, sono state considerate delle frequenze annue distinte per macro categoria professionale, età, sesso, determinando una percentuale media a livello di gruppo Hera.

Si specifica infine che per le valutazioni attuariali è stata utilizzata la curva dei tassi Euro Composite A.