logo di stampa italiano
 
Sei in: Il Gruppo » Storia

Storia

L'operazione di aggregazione con Acegas Aps


La progressiva strategia di espansione territoriale di Hera, attraverso il consolidamento di aziende multi-utility nelle aree limitrofe al territorio di riferimento, ha condotto il Gruppo a coprire il 70% dei clienti in Emilia-Romagna e a penetrare nella regione delle Marche.
Nell'esercizio passato, Hera ha continuato il percorso di espansione con l'aggregazione di Acegas Aps, un'operazione che risulta essere la più significativa in termini assoluti realizzata dal Gruppo fino a oggi.
Acegas Aps ha una presenza industriale focalizzata sui settori dell'Energia, del Ciclo Idrico e dell'Ambiente e contribuisce sia sulle dimensioni di ciascuno dei business principali di Hera che in quelle del presidio delle filiere. L'aggregazione con Acegas Aps rafforza tutte le posizioni competitive sui mercati liberalizzati. Il nuovo Gruppo si conferma nel 2013 leader nell'ambiente, diviene terzo nel settore gas e quinto in quello elettrico, espandendo la propria presenza sui mercati regolamentati. Ciò consente di affrontare al meglio le sfide competitive di un mercato che copre il Nord-Est e la prospettiva delle future gare per l'affidamento dei servizi in concessione.

Inoltre, la nuova realtà si offre con maggiore vigore quale polo di aggregazione all'interno dei territori contigui, caratterizzati da un'elevata frammentazione di aziende fornitrici dei servizi "utility".
L'aggregazione con Acegas Aps, efficace a partire dal 1 gennaio 2013, porta il Gruppo a una dimensione di valore della produzione 2012 "rettificato" pari a 5,3 miliardi di euro, un Mol "rettificato" di circa 794,8 milioni di euro e un Utile Netto "rettificato" di circa 145,2 milioni di euro, con una solidità finanziaria testimoniata dal rapporto tra indebitamento netto ed EBITDA "rettificato" intorno a 3,3x, confermandola come il secondo Gruppo nazionale tra le Local Utilities, con leadership e posizionamento di assoluto rilievo in tutti i business ed il primo per capitalizzazione di mercato.

Il potenziale sinergico dell'operazione esprimibile dal nuovo assetto organizzativo è stato preliminarmente stimato in circa euro 25 milioni/anno a regime, conseguibili nei diversi ambiti operativi, data le complementarietà del portafoglio attività, cui andranno ad aggiungersi gli effetti dei possibili ulteriori sviluppi del Gruppo post fusione, sia a livello territoriale che di singole aree di business. Il conseguimento di queste sinergie renderà l'operazione di aggregazione migliorativa per quanto concerne gli utili per azione per l'intera compagine dei soci.

All'inizio del mese di maggio è stata conclusa la procedura di delisting prevista a seguito del positivo esito dell'OPAS che ha portato ad ottenere il controllo completo delle azioni AcegasAps. Dall'inizio dell'esercizio 2013 sono state inoltre avviate le operazioni di riorganizzazione ed integrazione delle attività operative di Acegas Aps. I resoconti semestrali evidenziano già il miglioramento dei dati di bilancio del Gruppo..

La fusione con Acegas Aps è stata l'unica rilevante operazione di aggregazione effettuata recentemente in campo multi-utilities ed ha ottenuto l'apprezzamento del Fondo Strategico Italiano, intento a sostenere il processo di consolidamento del settore. Nel mese di luglio 2013 l'accordo che prevede l'entrata nel capitale sociale di Hera da parte del Fondo Strategico Italiano e firmato dalle parti nel settembre 2012 è stato rivisto dopo il verificarsi di alcuni eventi che costituivano elementi di incertezza concernenti la sua applicazione. La revisione ha inoltre introdotto una clausola di lock up di 24 mesi sulle azioni che saranno sottoscritte dal Fondo Strategico Italiano stesso.